Nuraghi

Nuraghi

June 20, 2017 Italian 0

Photo Source:  https://www.barumini.net/2015/11/su-nuraxi-il-sito-nuragico-piu-famoso-della-sardegna

Origine

I nuraghi sono fortezze tipiche della Sardegna, abitate dall’età del bronzo (1800 a.C.) fino al II secolo a.C. dopo l’invasione dei Romani. I nuraghi sono stati costruiti con pietre (spesso quadrate) sovrapposte a secco, che formano una torre tronco-conica. I nuraghi erano circondati dai villaggi nuragici.

I nuraghi sono stati abitati da diversi popoli, dunque col passare degli anni i villaggi attorno ai nuraghi si sono espansi e anche i nuraghi si sono sviluppati.

Tipi di nuraghi

Esistono tre tipologie di nuraghi (da epoche diverse): i protonuraghi, i nuraghi a tholos e i nuraghi complessi.

I protonuraghi furono costruiti tra il 1800-1600 a.C. Sono diversi dai nuraghi classici perché sono più irregolari. Non hanno la tipica camera circolare ma hanno tanti corridoi e camere più piccole. L’altezza media dei protonuraghi non superava i 10m.

La maggior parte dei nuraghi in Sardegna sono i nuraghi a tholos, che sono tipici dell’età del Bronzo Medio I e Medio II (1600-1300 a.C.), sono composti da un’unica torre con una ‘falsa cupola’ (o tholos) perciò sono stati nominati nuraghi a tholos. Le torri spesso erano a più piani con camere superiori. Oltre alla camera principale, all’andito e alle camere minori i nuraghi a tholos potevano avere nicchie e celle ricavate nei muri o pozzi e silos scavati nella terra.

I nuraghi complessi sono rari in Sardegna e sono un insieme di torri unite da bastioni per proteggere il mastio centrale. Le mura dei nuraghi complessi potevano essere spesse diversi metri. Secondo dei calcoli, il nuraghe complesso Arrubio ad Orroli, raggiungeva l’altezza dei 25-30m. Dunque, (dopo le piramidi egizie) i nuraghi sono considerati le più alte costruzioni mai realizzate durante l’Età del Bronzo nel Mediterraneo. Questi nuraghi sono i più recenti, si sono sviluppati tra il 1300-900 a.C.

Villaggio Nuragico

 Photo Source:  http://www.tharros.info/ViewGallery.php?cat=103&lng=it#start Photo Source:  http://www.tharros.info/ViewGallery.php?cat=103&lng=it#start

I villaggi nuragici si espandevano intorno al nuraghe. I villaggi erano composti di capanne circolari di pietra con il tetto costruito con tronchi e frasche. Nei villaggi si possono trovare anche degli spazzi per le attività domestiche o religiose. Si pensa che nel periodo in cui sono stati costruiti i nuraghi, le varie tribù venerassero l’acqua, perciò non è raro trovare camere dedicate al culto dell’acqua. Queste camere si possono riconoscere facilmente perché, oltre allo spazio grande centrale delle capanne, sono le uniche camere. Oltre ad avere delle panche, al centro di queste camere dedicate al culto, sono state trovate delle vasche dove l’acqua veniva venerata.

Sono stati trovati dei forni, non molto diversi dai forni usati per la pizza oggigiorno, e degli spazzi dove si potevano tenere gli animali. I muri erano (mediamente) spessi 1m. Di conseguenza spesso venivano ricavate delle nicchie, che potevano essere usate come armadi o ripostigli. L’argilla e il sughero venivano usati frequentemente per impermeabilizzare il pavimento (molte volte composto di lastre di pietra o terra battuta). Rocchetti e pesi venivano usati per tessere. Sono stati trovati anche sassole (per la farina e i cereali). In molti villaggi sono stati trovati dei vasi di ceramica, brocche, tazze e tegami.

Anna Poddi